GHS

Accessori Impreza WRC realizzati in fotoincisione scala 1/24

fotoincisioni-wcr-impreza-tamiya zoom
fotoincisioni-wcr-impreza-tamiya

[block id=”pagamenti”]

Prezzo

22,00

Disponibilità: Solo 1 pezzi disponibili

Peso22 kg

PER PAGAMENTO CON CONTRASSEGNO SPESA MINIMA € 15,00

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
5/5

descrizione prodotto

FOTOINCISIONI MODELLISMO STATICO – Accessori Impreza WRC realizzati in fotoincisione scala 1/24

Accessori Impreza WRC in scala 1/24 realizzati in fotoincisione per modelli Tamiya. Rendi unico il tuo modello con il kit in metallo.

Storia:

La Subaru Impreza WRC è una vettura da rally che ha partecipato al campionato del mondo dal 1993 al 2008.

L’esordio della Impreza nel mondo dei rally avvenne nel 1993. La Legacy RS, sua “antenata”, era infatti divenuta poco competitiva rispetto alle avversarie Ford Escort Cosworth e Toyota Celica ST185 e il Subaru World Rally Team, il reparto corse della casa delle Pleiadi, incaricò quindi la Prodrive di preparare la nuova Subaru Impreza secondo i regolamenti del Gruppo A. La vettura fu denominata “555” per via dello sponsor dell’epoca.

Il suo debutto avvenne nel Rally di Finlandia con Ari Vatanen, Markku Alén e Colin McRae come piloti. Le restanti gare del 1993 furono utilizzate come gare test in vista delle stagioni successive.

Nel 1994 la competitività dimostrata dalla vettura attirò alla corte del team inglese un campione come Carlos Sainz, come compagno di squadra dello spagnolo la Subaru confermò Colin McRae.

La prima vittoria arrivò nell’Acropolis Rally 1994 grazie a Carlos Sainz. Il pilota spagnolo disputò una grande stagione perdendo il titolo soltanto all’ultima gara dopo un gran duello con la Toyota di Didier Auriol. In quella stagione le vittorie totali della Subaru furono 3, oltre alla vittoria di Sainz in Grecia arrivarono infatti le vittorie di McRae in Nuova Zelanda e Inghilterra.

Nel 1995 vennero riconfermati Mcrae e Sainz, mentre una terza vettura venne schierata per Richard Burns nelle gare sterrate e per Piero Liatti in quelle su asfalto.

La stagione fu entusiasmante ed entrambi i piloti di punta lottarono per il mondiale, ottenendo complessivamente 5 vittorie in 8 gare (tre di Sainz e due di McRae). Il titolo fu vinto proprio da Colin McRae che sconfisse in volata Sainz all’ultima gara. Subaru vinse a fine stagione il suo primo titolo costruttori, anche grazie alla squalifica della Toyota. La stagione successiva Sainz passò alla Ford, mentre in Subaru, a sostegno di Mcrae vennero scelti lo svedese Kenneth Eriksson e Piero Liatti.

Mcrae ottenne 3 vittorie che però, con altrettanti incidenti, non bastarono a conquistare in titolo, che venne vinto da Tommi Mäkinen su Mitsubishi. Questo non impedì però a Subaru di vincere il secondo titolo costruttori consecutivo.