GHS

fiat cr.42 falco zoom
falco zoom
falco zoom
fiat cr.42 falco
falco
falco

Italeri Fiat CR.42 Falco 1/72

Scala 1/72

Italeri Modellismo

[block id=”pagamenti”]

13,00 Iva Inclusa

Disponibilità: 2 disponibili

paypal-logo
pagamenti postepay
icona visa
MasterCard_Logo.svg
pagamenti-bonifico
contrassegno

PER PAGAMENTO CON CONTRASSEGNO SPESA MINIMA € 15,00

Ti potrebbe interessare…

Modellismo Statico Aerei – Fiat CR.42 Falco 1/72

Fiat CR.42 Falco della Italeri Modellismo in scala 1/72, ottimo Scatola di montaggio per gli appassionati di modellismo statico, ottimi dettagli di livrea.

Indicazioni Generali:

Storia:

Il Fiat CR.42 Falco era un biplano di tipo sesquiplano, monoposto e monomotore da caccia con carrello fisso e struttura metallica a rivestimento misto (parte in metallo e parte in tela), realizzato dalla casa torinese alla fine degli anni trenta. Venne utilizzato nella seconda guerra mondiale prevalentemente dalla Regia Aeronautica, ma fu acquistato anche da paesi come Belgio, Ungheria, Finlandia e Svezia.
Il “Falco” fu l’ultimo caccia biplano della storia ad essere costruito in serie, fu anche l’ultimo caccia biplano a combattere nel secondo conflitto mondiale e l’ultimo biplano nella storia ad abbattere, nel 1945, un aereo nemico.

Il C.R.42 venne prodotto fino al 1944 e detiene tuttora il primato di essere l’aereo italiano costruito nel maggior numero di esemplari, circa 1800 in totale.

Il “Falco” fu subito accolto favorevolmente dai piloti italiani. Nella maggior parte delle versioni costruite non era previsto un apparecchio radio.

Peso 0.20 kg
Dimensioni 340 × 200 × 50 mm
Marca

Italeri

Scala

1/72

tipologia

Aerei, WWII

Modello

Fiat cr. 42 falco

Nazionalità

Italiana

Periodo

WWII

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Italeri Fiat CR.42 Falco 1/72”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

AVVISO SPEDIZIONI: Gli ordini potrebbero subire dei ritardi causa COVID e zona rossa, ci scusiamo per il disagio.​